05-04-06, pag. 17, Cronaca


Stampa questo articolo  

 

 

 

 

Tosolini: «Altro che dormitorio. Costruiamo 2 supermercati per 3.000 metri»
Firmian, 7.000 metri quadri di negozi



Valeria Frangipane

  BOLZANO. Firmian, la discussione continua: «Non sarà un dormitorio ma una città viva». Architetti e costruttori impegnati nell’assemblaggio del cuore del nuovo quartiere (che accoglierà 3.500 persone su una superficie di 16 ettari), non hanno dubbi. «Al centro ci sarà una grande piazza (metà coperta e metà scoperta) e attorno scuole, asili, la Chiesa, centri polifunzionali e soprattutto negozi. Tanti negozi, di tutti i tipi per una superficie complessiva che andrà dai 6.500 ai 7.000 metri quadrati».  Pietro e Paolo Tosolini a capo dell’impresa Habitat che sta gettando le basi del centro vitale di Firmian, smentiscono lo scenario catastrofista avanzato poche settimane fa sull’“Alto Adige” da Luciano Defant (fiduciario dell’Unione commercio per Bolzano) e Gianni Mantoanello (presidente di Confesercenti) che lamentavano la mancanza assoluta di esercizi commerciali.  «Nel nuovo quartiere - spiega Paolo Tosolini - apriremo due grandi supermercati alimentari che avranno una superficie complessiva di circa 3.000 metri quadrati. La gente saprà dove fare la spesa».  La filosofia costruttiva ed urbanistica va verso la creazione di un centro che sarà anche aggregativo.  L’opposto di chi teme che l’assenza di negozi possa creare alienazione.  Freschi di riconferma - Defant e Matoanello che insieme rappresentano le circa quattromila attività commerciali della città - erano stati durissimi: «Altro che rione modello Firmian sarà un dormitorio. Il commercio è stato completamente dimenticato. Si è pensato solo a costruire case senza attività attorno».  A quanto pare, si sbagliavano. Il primo progetto commerciale di Tosolini per Firmian - che sta appunto nella piazza principale - è quello che porterà alla realizzazione su 2.000 metri quadrati del “Famila” (sopra il supermercato la Cle costruirà degli alloggi) all’interno di un’area chiamata “Centrum”, pensata ed ideata dallo studio Cappuccio, Donato, Macchi Cassia.  L’accesso al “Centrum” - i cui lavori sono già iniziati e che sarà terminato tra due anni - sarà su via Resia.  Ci si arriverà salendo delle rampe o usando ascensori e scale mobili per superare il dislivello di tre metri realizzato per isolare gli edifici dalla falda sottostante. La piazza che conterrà il supermercato ed altri esercizi (che potranno andare dalla panetteria al parrucchiere, dalla farmacia alla tabaccheria, dal bar alla banca al negozio di abbigliamento ecc.) sarà completamente coperta da una struttura trasparente. «Gli abitanti potranno trovarsi, fare shopping, bere un caffè al bar, socializzare... a noi tutto questo sembra un quartiere giovane e vivo. Certo adesso è cantiere, ci sono le gru. Capiamo come sia difficile immaginarlo finito». Accanto alla piazza coperta si troverà quella scoperta dove verrà realizzata la Chiesa (progetto della Curia) e la nuova sede dell’Upad.  Dietro piazza Montessori con il polo scolastico portato avanti dal Comune con la scuola elementare e la scuola media ed accanto l’edificio con l’asilo nido e la scuola materna.  Poco distante - questa volta nella zona chiamata City 2 - sorgerà il secondo supermercato di circa mille metri quadrati assegnato alla «General Market srl» (che fa capo sempre al gruppo Tosolini).  «Firmian pulserà di vita e di attività commerciali, non sarà certo uno squallido dormitorio». Sarà una città nella città. E quando Pietro Tosolini buttò l’occhio sui primi terreni già si figurava il possibile scenario oltre via Resia.  Il primo terreno l’ha comperato lei? «No, non sono stato io - racconta - l’ha fatto Zemella. Se ben ricordo era il 1993. Io sono arrivato tre anni dopo. Ho comperato qualcosa dal convento di Muri, qualcosa dai von Klebelsberg e qualcosa anche da Alexander Langer ecc». Qualcosa... cosa?  E risponde il figlio Paolo: «La metà di Firmian».  Emergenza casa a Bolzano, dramma infinito. Secondo lei ne parleremo ancora? «Per me - conclude Pietro Tosolini - tra Firmian e Casanova il mercato andrà a saturarsi». Firmian, discussione è aperta: quartiere modello o incubo urbanistico? «Non conosciamo incubi urbanistici che possano godere di parchi col laghetto e piste da jogging».